Profilo storico biografico

L’archivio Bonzanini custodisce i documenti relativi all’attività di progettista di Mario Bonzanini (Cilavegna, 1923 – Vigevano, 2010): si tratta dei materiali relativi ai lavori di costruzione, sistemazione e restauro realizzati dalla fine della Seconda Guerra Mondiale al 2010, comprensivi di disegni su lucido, relazioni tecniche, fotografie e modellini. L’archivio si articola in sezioni che rendono ragione della complessità degli interventi, a Vigevano e in Lomellina e in altre sedi. La parte dedicata ai lavori svolti a Vigevano e nel suo territorio si apre con la sezione relativa al Rilievo del Centro Storico di Vigevano, seguono i progetti realizzati per la Diocesi di Vigevano (tra i quali il restauro della facciata del Duomo, il nuovo Battistero, il restauro dell’antica chiesa di S. Giorgio e la costruzione della chiesa dei SS. Giovanni e Pio), i progetti di complessi residenziali, di case d’abitazione, di negozi e stand, di ditte e officine, di arredi, di tombe e cappelle funerarie. Numerosi progetti di altra natura sono stati raggruppati in una sezione a parte, nella quale trovano spazio interventi importanti quali il progetto di ampliamento del Salone Internazionale delle Calzature di Vigevano, i progetti per edifici scolastici, per il restauro dell’antico convento dei francescani, per la ristrutturazione della sede della Cassa di Risparmio in Piazza Ducale, per il Museo della Calzatura e per la Quadreria dell’Ospedale, per il Sacrario dei Caduti della Resistenza, la Proposta di destinazione d’uso del Castello. Nella parte dedicata ai lavori realizzati in altri luoghi si segnalano case d’abitazione e negozi nelle principali città italiane, il progetto dell’Istituto tecnico Baratta di Voghera, il restauro della Torre Spagnola di Ozzero.

L’archivio comprende inoltre una sezione dedicata ai viaggi compiuti da Mario Bonzanini in particolare in Sud America e in Asia negli anni Settanta, anche in luoghi nei quali il turismo si era appena affacciato come Buthan e Ladakh. Fanno parte della sezione alcune delle fotografie e delle diapositive realizzate durante i viaggi e l’elenco delle pellicole in 16 e 8 millimetri. La sezione riservata all’impegno politico e civile, poi, raccoglie documenti e immagini relative all’attività clandestina svolta nel corso della Resistenza e alla militanza nel PCI. Gli Scritti scelti sull’architettura e sull’arte rappresentano una continua riflessione sul proprio lavoro che Bonzanini svolse lungo tutto l’arco della sua carriera e che presentò in diverse occasioni sotto forma di articoli e conferenze. Infine la biblioteca, che comprende circa duemila volumi suddivisi nelle sezioni "Civiltà del mondo", "Storia della musica", "Storia dell'arte", "Architettura", "Storia del Novecento", "Storia locale", “Architettura”, nonché alcune collezioni delle più importanti riviste di architettura italiane e straniere del Novecento, costituisce lo specchio dei vari interessi di Bonzanini: in particolare la lettura dei testi della sezione "Civiltà del mondo" ha fornito le conoscenze necessarie alla comprensione di quanto veniva sperimentato nel corso dei viaggi ed è alla base dei testi che accompagnano le immagini delle pellicole.

L’archivio è tutelato dalla Soprintendenza Archivistica della Lombardia ed è stato dichiarato d’interesse storico particolarmente importante dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia.